CAPITOLATO NERVIANO

PREMESSA

La Soc. venditrice si riserva a suo insindacabile giudizio, la facoltà di apportare tutte le sostituzioni e modifiche necessarie con altri materiali di tipo equivalente, nel caso in cui ci sia la disponiblità sul mercato o per altre ragioni ritenute valide dalla Soc. Venditrice stessa.

COSTRUITA CON MATERIE PRIME SELEZIONATE E MODERNE TECNOLOGIE

 ELEVATO RISPRMIO ENERGETICO

  • Pannelli solari
  • Riscaldamento geotermico
  • Impianto radiante e pavimento per climatizzazione estiva/invernale
  • Elevato isolamento termo-acustico delle metrature


FINITURE DI PREGIO

  • Pavimenti zona giorno e notte in legno prima qualità
  • Infissi in pino mordenzato
  • Termoarredo integrativo nei bagni
  • Impianto TV terrestre e satellitare

PREDISPOSIZIONE

  • Impianto di climatizzazione
  • Impianto d’allarme
  • Impianto Home Automation ( domotica)

 

DESCRIZIONE DELL’IMMOBILE

STUTTURE PORTANTI

Le sezioni di pilastri, travi, solai, muri e fondazioni sono state verificate per le massime sollecitazioni a compressione, flessione e taglio prodotte dalla combinazione piu’ sfavorevole dei carichi accidentali. Tutto il calcestruzzo è assogettato a tensioni inferiori a quelle ammissibili per legge. Il ferro adottato è in barre ad aderenza migliorata controllate in stabilimento di tipo FeB44k, e viene fatto lavorare ad tensione massima di 2600 Kg/cm². Ogni altra prescrizione e precisazione  è contenuta dettagliatamente negli elaborati di progetto e/o di futura presentazione ad integrazione della presente relazione. Per tutte le strutture si sono usati i normali criteri di calcolo della Scienza delle Costruzioni nel rispetto delle Leggi vigenti, adottando l’ìpotesi di contenimento delle sollecitazioni nel campo dei valori  ammissibili in relazione ai materiali utilizzati.

OPERE DI FONDAZIONE

Per le opere di fondazione si utilizza calcestruzzo confezionato con 0,4 m³ d sabbia e 0,8 m³ di ghiaia e ghiaietto, con cemento tipo R325 dosato a 350 kg per metro cubo con acqua in adeguato rapporto rispetto al cemento onde ottenere un resistenza carat-teristica, a 28 giorni di maturazione, a rottura per compressione Rck > 250 kg/cm². Si utilizza acciaio nervato per c.a. tipo FeB44k controllato in stabilimento avente le seguenti caratteristiche:

tensione di snervamento Rfks 4400 kg/cm²;

tensione di rottura Rfk 5500 kg/cm²;

tensione ammissibile  = 2600 Kg/cm².


COPERTURE
 

Il tetto sarà composto a più falde con orditura primaria in travi in legno quattro fili di abete lamellare, orditura secondaria in travetti di abete di sezione adeguata alla luce ed ai carichi previsti dai disegni strutturali e dalle normative vigenti, posti ad interasse massimo di cm 60 e comunque secondo indicazioni della D.L. ; Assito costituito da tavole maschiate e piallate da lasciare a vista, in legno di abete avente spessore di mm 22 finito, fissato a travetti con chiodi cadmiati in ragione di due per ogni travetto; Trattamento di tutto il legname prima della sua posa in opera, con impregnante antitarlo tipo Ammon e successivamente con due mani di impregnante pigmentato di colore a scelta della D.L., la ferramenta in acciaio zincato. Il manto di copertura sarà ti tegole a canale – coppi – in ragione di n. 33/mq con misurazione in sviluppo di falda fino all’estremo delle tegole.

SOLAI

Il solaio piano terra sarà con vespaio areato a pavimento, mediante elementi tipo Cupolex o similari aventi un’altezza di cm40, costituito da cupole in plastica rigenerata di dimensioni in pianta di cm58x58, compreso il getto della soprastante cappa collaborante in cls R’ck 250 Kg/cmq, avente spessore minimo di cm 5, compresa di rete elettrosaldata 20x20 diam. mm. 6. Realizzata con coibentazione di triplo strato di lastre isolanti tipo Ekosol N in lana di vetro, trattate con speciale legante a base di resine termoindurenti. Densità 85 kg/mc.

I solai intermedi di piano saranno in legno-cemento composti da travetti in legno resinoso lamellare di dimensioni 12X24 passo 60cm inseriti nei muri esistenti. Superiore assito in fodere piallate da 2cm di spessore, con soletta superiore in cls R’ck 250 Kg/cmq. Realizzata con coibentazione di doppio strato di lastre isolanti Isover Ekosol N in lana di vetro, trattate con speciale legante a base di resine termoindurenti. Densità 85 kg/mc. Compreso sistema di connessione tra travetti in legno e la cappa in cls, eseguito con ferri ad omega della Peter Cox (traliccio LPR).

carico permanente                                                                              300 kg/m²

sovraccarico accidentale                                                                    200 kg/m²

500 kg/m²

 

MURATURE ESTERNE 

Muratura a cassavuota per le partizioni interne a suddivisione delle diverse proprietà e delle stesse dalle parti comuni, costituita da doppia parete in tavolato/paroton di mattoni forati posati di quarto, dello spessore di cm 8/20 ciascuno e camera d’aria con interposto pannello fonoassorbente.

BARRIERA CONTRO LA RISALITA DI UMIDITA’ NEI MURI PERIMETRALI PIANO TERRA

L’intervento ai muri esistenti piano terra sarà eseguito con sistema Peter Cox:
consiste nella formazione di una barriera chimica continua alla base del muro che, invertendo l’angolo di bagnabilità dei capillari, interrompe la risalita di umidità. I prodotti usati, a base di formulati siliconici, sono immessi nel muro a lenta diffusione tramite dei particolari trasfusori, in modo tale da impregare tutta la sezione interessata dall’intervento, fissati chimicamente all’interno dei capillari creando un trattamento idrofobico stabile nel tempo.

IMPERMEABILIZZAZIONE

Impermeabilizzazione dei terrazzi a copertura zone riscaldate: strato di primer bituminoso a base di solvente, steso a freddo su tutta la superficie da impermeabilizzare;

strato di barriera al vapore in membrana plastomerica prefabbricata, spessore mm3, armata con velo di vetro e lamina di alluminio sp 6/10 di mm, incollata allo strato precedente strato di incollaggio in mastice di bitume ossidato, steso a caldo in ragione di gr/mq 1200,00; primo strato di membrana elastoplastomerica prefabbricata appartenente alla classe 1 C.p. IGLAE con flessibilità a freddo -10°, spessore mm4 armata con tessuto non tessuto  di poliestere ed incollata allo strato precedente mediante utilizzo di lampada a gas propano;

secondo strato di membrana elastoplastomerica prefabbricata appartenente alla classe 1 C.p. IGLAE con flessibilità a freddo – 10°, spessore mm4 armata con tessuto non tessuto di poliestere. La membrana sarà posizionata longitudinalmente al primo strato impermeabile, con uno sfalsamento delle sormonte (sia longitudinali che traversali) tra il primo ed il secondo strato. Tale membrana verrà incollata allo strato precedente mediante utilizzo di lampada a gas propano.

FOGNATURE E SCARICHI

Le tubazioni verticali delle acque chiare e delle acque nere saranno opportunamente isolate con materiali fonoassorbenti.

CANALI DI GRONDA E CONVERSE

 I canali di gronda, le scossaline ed i pluviali saranno eseguiti in lamiera di rame.

INTONACI ESTERNI

Le superfici murarie esterne saranno rivestite con il sistema di intonaco termoisolante, comprendente il ciclo della ditta Grigolin Hydrotherm legge 10/91.

INTONACI INTERNI

 Le superfici murarie interne al piano terra saranno rivestite con intonaco a civile a base di calce ed arricciatura in stabilitura di calce idrata.
Le superfici murarie interne al piano primo e sottotetto saranno rivestite con intonaco premiscelato “pronto gesso” con finitura liscia.

TINTEGGIATURE

Le tinteggiature esterne delle facciate saranno composte da pitture ai silossani.
Le tinteggiature interne delle zone comuni saranno composte da idropittura a base di resine acriliche.
Le tinteggiature dei solai in legno e dell’intradosso della copertura saranno trattate con antitarlo e mordente, e una riprese con vernice trasparente lucida sintetica acrilica.

FINITURE ESTERNE

Il fabbricato lato strada sarà rifinito esternamente con zoccolatura, soglie, davanzali e marcapiano in pietra serena levigata o similare.
Il fabbricato lato cortile sarà rifinito esternamente con zoccolatura, soglie davanzali in pietra beola grigia o similare.
I parapetti e le inferriate saranno eseguite in ferro verniciato a discrezione della D.L. a semplice disegno e dell’altezza regolamentare.

SCALE E PIANEROTTOLI

Le scale saranno eseguite in c.a., rivestiti con elementi in pietra beola grigia; i pianerottoli saranno dello stesso materiale o similare.
Le scale saranno eseguite con parapetti in ferro verniciato a discrezione della D.L. a semplice disegno e dell’altezza regolamentare compreso il corrimano.
Il battiscopa delle scale dove necessario sarà dello stesso materiale delle scale.

INFISSI

Tutti gli infissi interni, finestre, portefinestre e oblò saranno in legno verniciato colore bianco completi di:

  • doppi vetri legge 10/91
  • aperture ad ante
  • persiane esterne a stecca apertura/scuri interni

Le porte interne saranno cieche, con pannello a struttura tamburata impellicciato, laccato complete di maniglie tipo acciaio satinato.
Le porte di primo ingresso agli appartamenti saranno del tipo blindato ad unica anta con pannello di rivestimento esterno in multistrato 18 mm a fibre parallele con angoli concavi 90° in MDF laccati verdi o similari.
Le porte dei vani scale di collegamento con l’esterno saranno in legno lamellare di abete verniciato color verde petrolio.
Le porte delle autorimesse saranno dotate di una porta basculante a contrappesi composta internamente da montanti e traversi in lamiera verniciata, rivestita esternamente con un pannello in lamiera pantografata a doghe verticali/orizzontali e completa di serratura e della predisposizione alla successiva motorizzazione.

PAVIMENTI

La pavimentazione dei vani soggiorno, camera da letto e cameretta  e disimpegno saranno eseguite in lego Rovere o Iroko di prima scelta a listello cm 6x30 spessore 10.
La pavimentazione dei bagni e cucine saranno eseguite con ceramiche smaltate monocottura di dimensioni cm 20x20 di prima scelta posate a correre con mattonella accostata.
La pavimentazione dei balconi e terrazzi saranno eseguite con mattonelle in gres ceramico cm 15x15 antigelive, antisdrucciolo e di facile pulizia; il battiscopa dei balconi sarà realizzato con la medesima mattonella, montate a correre.

RIVESTIMENTI BAGNI E CUCINE

I rivestimenti murali dei bagni saranno realizzati in ceramica smaltata monocottura di dimensioni 20x20 di prima scelta per altezza di cm 220. La posa in opera sarà a correre con mattonella accostata, per tutto il perimetro.
I rivestimenti murali delle cucine saranno in ceramica smaltata monocottura di dimensioni 20x20 di prima scelta con esclusione di decori e pezzi speciali. La posa in opera sarà a correre con mattonella accostata, per la sola parete attrezzata con altezza da circa cm 160.

ZOCCOLATURA AI VANI ABITATI

Il battiscopa ai piani abitabili sarà eseguito in legno ramino tinto dimensioni cm 8x1 .

IMPIANTO IDRICO IGIENICO SANITARIO

Ogni appartamento sarà dotato delle seguenti alimentazioni idriche:

  • attacco lavatrice
  • attacco lavastoviglie
  • attacco acqua fredda e calda nelle cucine e bagni


SPECIFICHE MATERIALI

Tutti i materiali saranno di colore bianco Europa marca  “ IDEAL STANDARD “ con le finiture standard, se non diversamente specificate in seguito.

BAGNO PRINCIPALE SANITARI (serie ESEDRA)

  • lavabo sospeso 68x52
  • vaso completo di sedile sospeso con cassetta di risciacquo ad incasso ditta GEBERIT
  • bidet sospeso monoforo
  • vasca cm 160/60 o doccia 80x80RUBINETTERIA (serie CERAPLAN)

 

  • miscelatore monocomando per lavabo
  • miscelatore monocomando per bidet
  • gruppo miscelatore ad incasso per doccia e/o vasca

 

Tutte le rubinetterie saranno dotate del miscelatore monoblocco e dovranno essere dotate di frangigetto e di dispositivi di apertura dell’erogazione di acqua a doppio scatto, su ogni punto di erogazione dovrà inoltre essere installato un dispositivo limitatore di portata.

IMPIANTO RADIANTE A PAVIMENTO PER CLIMATIZZAZIONE ESTIVA/INVERNALE

L’impianto di riscaldamento/raffrescamento adottato per tutti gi appartamenti sarà tipo centralizzato con moduli satellitari per ogni unità immobiliare per la gestione, controllo e programmazione funzionale dell’unità abitativa con contabilizzazione diretta dei consumi tramite conta calorie.

La contabilizzazione dell’energia è realizzata tramite un sistema comprendente i moduli di corrispondenza in ciascuna utenza e gli apparecchi nel locale tecnico e di concentratore dati. All’ingresso delle unità immobiliari è installato un modulo di termoregolazione e misura dell’energia termica premontato in dima chiusa da pannello anteriore dotato di serratura. Le funzioni di termoregolazione e tartura sono integrate in una valvola multifunzionale di ottone. La funzione di misura dell’energia termica è affidata a:

  • Pannello elettronico alimentato a batteria con n. 2 sonde di temperatura;
  • Misuratore di portata a turbina unigetto.

Ogni cassetta di distribuzione è in grado di gestire i consumi di acqua sanitaria calda e fredda di servire una zona a temperatura unica. Il controllo della temperatura ambiente è di zona ovvero è installato un termostato ambiente che comanda il funzionamento del modulo di termoregolazione e controlla l’ingresso nelle unità immobiliari del fluido termico per il riscaldamento ambiente.

Decreto n. 37 del 22 Gennaio 2008 ”Regolamento concernente l’attuazione dell’articolo 11 (quarterdieces, comma 13 lettera a) della legge n. 248 del 2 Dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all’interno degli edifici”. DPR 447 del 06/12/91: “Regolamento di attuazione della legge 46/90 in materia di sicurezza degli impianti”. Legge 10/91 e s.m.i. : Norme per l’attuazione del Piano Energetico Nazionale in materia di uso razionale dell’energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia”.

IMPIANTO GAS CITTADINO 

  • Il gas oltre ad essere derivato alla centrale termica srà portato in cucina con adeguate condutture.

 

IMPIANTO ELETTRICO 

  • L’ intero immobile verrà dotato di impianti elettrici del tipo ad incasso nella muratura o comunque all’nterno delle eventuali pareti divisorie di tipo leggero che si rendessero necessarie. Le pareti comuni verranno dotate di una propria fornitura, di energia elettrica separata dalle forniture delle singole unità immobiliari, rispettando le possibilità contrattuali offerte da ENEL per quanto riguarda i servizi generali e le parti comuni condominiali. Ogni alloggio verrà dotata di proprio quadro di distribuzione di tipo modulare ad incasso con apparecchiature di marca primaria. La distribuzione interna avverrà mediante cassette di derivazione collegate tra loro ed alle scatole portafrutta contenenti prese, interruttori ecc… I frutti di comando e di derivazione saranno della marca Bticino serie Light complete di placche in tecnopolimero.

 

INGRESSO/DISIMPEGNO

  • 1 presa di corrente bivalente 2x10/16 A+T;
  • 1 impianto di chiamata capo-porta ( campanello );
  • 1 videocitofono con funzioni di apri – porta;
  • 1 quadro elettrico da incasso da 3,3Kw/220 V con sportello contenente

 

SOGGIORNO

  • 1 P.L. interrotto o deviato o invertito;
  • 1 presa di corrente comandata da interruttore 2x10 A+T;
  • 2 prese di corrente 2x10 A+T;
  • 1 presa di corrente bivalente 2x10/16 A+T;
  • 1 presa TV ( satellitare );
  • 1 punto presa telefonica ( solo tubazione )
  • 1 punto termostato ambiente;
  • 1 punto di collegamento (solo canalizzazione)macchina di condizionamento.

 

CAMERA MATRIMONIALE

  • 1 P.L. interrotto o deviato o inverito;
  • n . 1 presa di corrente comandata da interruttore 2x10 A+T;
  • 2 prese di corrente 2x10 A+T;
  • 1 presa di corrente bivalente 2x10/16 A+T;
  • 1 presa TV terrestre
  • 1 punto presa telefonica (solo tubazione)


CUCINA

  • 2 P.L. interrotto (1 a parete ad 1 a soffitto)
  • 1 presa di corrente comandata da interruttore 2x10 A+T;
  • 2 prese di corrente 2x10 A+T;
  • 4 presa di corrente unel 2x16 A+T;

 

CAMERA SINGOLA

  • 1 P.L. interrotto o deviato o invertito;
  • 1 presa di corrente 2x10 A+T;
  • 1 presa di correnet bivalente 2x10/16 A+T;
  • 1 presa TV terrestre;
  • 1 punto presa telefonica ( solo tubazione )

 

DISIMPEGNO NOTTE

  • 1 P.L. interrotto o deviato o invertito;
  • 1 prese di corrente 2x10 A+T;


BAGNO PRINCIPALE

  • 2 P.L. interrotto o deviato;
  • 1 prese di corrente 2x10 A+T;
  • 1 presa di corrente bivalente 2x10/16 A+T;
  • 1 pulsante richiesta soccorso
  • 1 aspiratore con interruttore temporizzato ( Bagni ciechi).


IMPIANTO BOX

  • 1 P.L. interrotto o deviato
  • 1 prese di corrente 2x10 A+t;
  • 1 plafoniera tartaruga 60 Watt


IMPIANTO VIDEOCITOFONO

L’impianto video citofonico sarà costituito da un sistema di comunicazione uno per alloggio, il sistema garantirà il segreto di conversazione.

IMPIANTO SATELLITARE

L’edificio sarà dotato di impianto di ricezione TV terrestre e satellitare di tipo centralizzato completo di tutta componistica necessaria per la distribuzione del segnale nelle unità immobiliari con una presa per ogni vano esclusi i servizi.

SICUREZZA 

Tutte le unità immobiliari saranno dotate di cassaforte in ferro preverniciato, blindata da incasso.

error: Copyright ERIF srl